Ebola: si moltiplicano le richieste di spostamento

[db] Coppa d’Africa in subbuglio: si sono moltiplicate nelle ultime ore le richieste di spostamento di partite di qualificazione in campo neutro. Se il CAF nelle scorse settimane aveva permesso alla Sierra Leone e alla Guinea Conakry di cercare sedi neutre per gli incontri casalinghi dei due paesi colpiti da Ebola (Guinea – Togo si disputerà il 6 settembre a Casablanca), ora anche altre federcalcio hanno chiesto lo spostamento di alcuni incontri.

Settimana scorsa la Costa d’Avorio aveva sospeso tutta l’attività sportiva a carattere internazionale (benché il Séwé Sport abbia giocato il suo incontro di CAF Confederation Cup in casa). Dopo il rifiuto del governo ivoriano di far disputare la partita contro la Sierra Leone ad Abidjan, il CAF ha autorizzato la Costa d’Avorio a cercare una sede neutrale per la partita con i Leone Stars di Johnny McKinstry. Secondo il portavoce della Fédération Ivoirienne de Football Eric Kacou, “Le nostre autorità non vogliono prendere alcun rischio rispetto all’epidemia di Ebola. Stiamo cercando delle soluzioni per delocalizzare la partita, il calendario stabilito dal CAF deve essere rispettato”. L’incontro con la Sierra Leone era previsto per il 6 settembre.

La Sierra Leone, nel frattempo, è ancora alla ricerca di una sede neutrale per ospitare la partita che dovrebbero giocare il 10 settembre contro la Repubblica Democratica del Congo. Sempre per via del virus Ebola la federcalcio del Congo Brazzaville ha chiesto al CAF lo spostamento della partita del 6 settembre contro la Nigeria, paese dove sono state registrate cinque morti dovute al virus. Precedentemente alla squalifica del Ruanda, sostituito dai congolesi nel girone, per via del caso Etekiama, anche la Ferwafa si era detta preoccupata dalla possibilità di giocare in Nigeria.

Non è dovuta al virus Ebola la richiesta della federcalcio del Mali che, dopo la tragica morte di Albert Ebossé, il calciatore camerunense colpito letalmente in un lancio di oggetti al termine di un incontro di calcio tra JS Cabilia e USM Algeri, ha comunicato al CAF la richiesta di non giocare la partita con l’Algeria in suolo algerino. L’incontro si sarebbe dovuto disputare il 10 settembre a Blida, ma la federazione maliana si è detta inquieta rispetto all’eventualità di dover giocare di fronte agli spettatori algerini dopo quanto avvenuto e ha richiesto lo spostamento dell’incontro per assicurare la sicurezza dei propri giocatori.

Non solo le qualificazioni alla Coppa d’Africa sono finite nell’occhio del ciclone: dopo che sono stati riportati i primi casi di Ebola in RD Congo, il club tunisino CS Sfaxien ha chiesto al CAF di spostare in campo neutro il suo incontro di semifinale di Champions League a Kinshasa contro l’AS Vita Club.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s