Eto’o si ritira dalla nazionale

[db] Negli scorsi giorni ha annunciato il suo ritiro dalla nazionale del Camerun Samuel Eto’o, che degli Indomitable Lions era il capitano. Eto’o, che ha appena firmato per l’Everton, si ritira dopo 118 presenze e 56 gol che lo rendono il miglior realizzatore di sempre della nazionale camerunense. Solo 19 presenze lo separavano dal record di Rigobert Song, sceso in campo con la maglia del Camerun ben 137 volte. Dopo la Coppa del Mondo, anche il capitano della Costa d’Avorio Didier Drogba aveva annunciato il suo ritiro.

Eto’o, che ha giocato la sua carriera tra Real Madrid, Leganés, Maiorca, Barcellona, Inter, Anži Machačkala e Chelsea, ha esordito in nazionale a soli sedici anni, il giorno del suo compleanno, il 9 marzo 1997, contro la Costa Rica. L’anno successivo, contro l’Italia alla Coppa del Mondo di Francia 1998, fu il giocatore più giovane della competizione. Con i Leoni Indomabili il calciatore vinse le Coppe d’Africa del 2000 e del 2002 e la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Sydney del 2000 contro una nazionale spagnola che comprendeva Carles Puyol, Xavi e Miguel Ángel Angulo.

Eto’o è il miglior marcatore della storia della Coppa d’Africa con 18 gol segnati complessivamente e vanta nel suo palmares anche uno scudetto, tre titoli di Liga, tre titoli di Champions League (due con il Barcellona e uno con l’Inter) e la Coppa del Mondo per Club del 2010, vinta contro i congolesi del TP Mazembe. Pichichi nel 2006, è stato nominato ben quattro volte miglior giocatore africano dell’anno e nel 2005 è arrivato terzo al FIFA World Player. La testata francese Onze ha pubblicato un’infografica sulla carriera del giocatore.

Il ritiro di Eto’o arriva all’indomani della decisione del CT del Camerun Volker Finke di non convocare tredici giocatori, Eto’o incluso, per i prossimi incontri di qualificazione alla Coppa del Mondo e di togliere al giocatore la fascia di capitano in favore di Stéphane M’Bia. Eto’o ha annunciato il ritiro su Instagram e Twitter.

Negli scorsi giorni Eto’o ha anche voluto omaggiare il suo connazionale Albert Ebossé, morto in un lancio di oggetti al termine di un incontro del campionato algerino. Negli scorsi giorni Eto’o ha anche voluto omaggiare il suo connazionale Albert Ebossé, morto in un lancio di oggetti al termine di un incontro del campionato algerino. Il giocatore, oltre a ricordarlo su Twitter, ha anche dichiarato: “Sono sconvolto tanto per il decesso di questo giovane fratello quanto per le circostanze […]. Se […] Albert è stato ucciso perché la sua squadra ha perso una partita, allora quello che è successo poteva capitare a chiunque tra di noi. Tutto questo è semplicemente orribile. Il calcio dovrebbe riunire, portare gioia ed emozioni positive e non sventura e dolore. […] Tutte le mie preghiere e il mio affetto vanno alla sua famiglia e ai suoi prossimi. Possa il cielo aiutarli a superare questa prova terribile. Che la terra dei nostri antenati ti sia leggera, Leone Ebossé, morto in combattimento il 23 agosto 2014”.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s