CAN 2015, finale terzo posto: Kidiaba porta il Congo sul podio, mega-squalifica per il Marocco

SCARICA L’E-BOOK AFRICALCIO

La RD Congo conquista il podio d’Africa, battendo ai rigori i padroni di casa della Guinea Equatoriale dopo gli incidenti della semifinale, per cui la federazione equatoguineana è stata multata per un ammontare di centomila dollari. Incidenti che hanno anche dato il La a diverse polemiche, come il tweet del difendore congolese Gabriel Zakuani: “Se dovete tirare bottiglie e pietre ai giocatori, tenetevi pure il terzo posto”. Secondo la CAF gli incidenti hanno causato l’ospedalizzazione di quattordici tifosi, uno dei quali, maliano, è tutt’ora ospedalizzato per una frattura alle costole. 500 fan ghanesi hanno trovato rifugio nella propria ambasciata prima di tornare a casa.

Nel frattempo è arrivato il verdetto finale della CAF sull’abbandono dell’organizzazione del torneo da parte del Marocco a poco più di due mesi dal calcio d’inizio. La federcalcio marocchina dovrà pagare una multa di un milione di dollari e corrispondere alla confederazione africana 8 milioni di euro di danni. La nazionale inoltre non potrà partecipare alle prossime due edizioni della Coppa d’Africa, nel 2017 e nel 2019.

Stasera alle ore 20 si terrà la finale tra Ghana e Costa d’Avorio a Bata.

RD CONGO – GUINEA EQUATORIALE 0-0 (4-2 dcr)

Di fronte a uno stadio semivuoto (solo 3-4 mila fan in un impianto da quindicimila posti) e senza incidenti, la RD Congo batte ai rigori i padroni di casa e si assicura il terzo posto nella Coppa d’Africa.

Dopo un primo tempo senza grosse emozioni (la migliore occasione un tiro di Yannick Bolasie spentosi sul fondo), nel secondo tempo il portiere equatoguineano Felipe Ovono ha salvato il risultato su un tiro di Dieumerci Mbokani. Dopo quasi un’ora di gioco l’occasione migliore della Guinea Equatoriale: Emilio Nsue si trova da solo, ma l’uscita di Robert Kidiaba vanifica ogni speranza.

Dal dischetto la Guinea Equatoriale comincia con il piede sbagliato: ironia del caso, si tratta di quello di Javier Balboa, artefice della discussa vittoria ai quarti di finale contro la Tunisia dopo aver pareggiato i conti nel tempo di recupero proprio dagli undici metri. Anche il secondo tentativo equatoguineano va in fumo, con Robert Kidiaba pronto a parare nell’angolino basso sul tiro di Bosio. Nel frattempo i congolesi Cedrick e Mabidi non sbagliano: il vantaggio continuerà fino al quarto rigore, trasformato da Cédric Mongongu per regalare la vittoria alla Repubblica Democratica.

RD CONGO – GUINEA EQUATORIALE 0-0 (4-2 dcr)
RD CONGO: Kidiaba, Mpeko, Zakuani, Mongongu, Kasusula, Mbemba, Makiadi (27′ st Mabidi), Cedrick, Kage (1′ st Mbokani), Bolasie, Bokila (29′ st Kabananga). All. Ibengé.
GUINEA EQUATORIALE: Ovono, Travieso, Evuy, Gomes, Bohale, Senobua (1′ st Maye), Juvenal, Zarandona (1′ st Ellong), Belima (40′ st Bosio), Balboa, Nsue. All. Becker.
RIGORI: Balboa (fuori), Cedrick (gol 1-0), Bosio (parato), Mabidi (gol 2-0), Juvenal (gol 2-1), Mbemba (gol 3-1), Ellong (gol 3-2), Mongongu (gol 4-2)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s