Coppa d’Africa, day 2: Girone B, deludono le nordafricane

La seconda giornata della Coppa d’Africa ci regala l’entrata in gioco delle nordafricane, che però non convincono. Non convince l’Algeria, da cui ci si attendeva molto di più che un pareggio contro la cenerentola Zimbabwe (che è stata costretta a usare delle maglie alternative, senza marchi, dal momento che le maglie ufficiali della Mafro non sono arrivate a Franceville, secondo quanto riporta il giornalista tunisino Lofti Wada). E non convince la Tunisia, che esce da novanta minuti di possesso e costruzione di gioco contro il Senegal con due gol sul groppone. Un girone indecifrabile, che per ora sorride a chi è sulla carta meno dotato. E che già questo giovedì potrebbe essere cruciale per le due nordafricane, destinate a incrociare le lance in un derby di Coppa d’Africa.

CLASSIFICA GIRONE B: Senegal 3; Algeria, Zimbabwe 1; Tunisia 0.

ALGERIA – ZIMBABWE 2-2
Mahrez 12’, 82’ | Mahachi 17’, Mushekwi 29’
HIGHLIGHTS

(Calcio Romantico) Un’Algeria che avrebbe dovuto strapazzare lo Zimbabwe non riesce ad andare oltre il pareggio, il terzo in tre partite della Coppa d’Africa 2017, puntando sulle indubbie individualità, ma risultando poco coesa, complice anche lo strano modulo messo in campo da Leekens.

A inizio partita le due squadre saltano la fase di studio e se la giocano fin da subito a viso aperto, ma a sorpresa è lo Zimbabwe ad andare più vicino al gol con un clamoroso palo colpito da 40 metri da Billiat al 9’. Un minuto dopo è costretto a uscire dal campo l’attesissimo – almeno da Calcio RomanticoKnowledge Musona. Al 12’ l’Algeria passa in vantaggio con Mahrez che segna un gol alla Mahrez: partendo da destra rientra sul sinistro e conclude a giro sul secondo palo. Lo Zimbabwe non si scompone e agguanta il pareggio dopo una manciata di secondi, grazie a un diagonale di Mahachi che ha sorpreso M’Bohli, piazzato male e tuffatosi in netto ritardo. Il portiere algerino in forze all’Antalyaspor si riscatta poco dopo su un tiro del solito Billiat. I Guerrieri zimbabwesi al 27’ concretizzano il loro dominio: Belkhitar, in netto ritardo, tocca Bhasera in area di rigore e lo fa cadere a terra. Non sembra un rigore solare, ma l’arbitro non ha dubbi e il difensore algerino nemmeno protesta. Sul dischetto Mushekwi non sbaglia, è 2-1 per lo Zimbabwe. Le Volpi del deserto crescono nel finale del primo tempo, ma non riescono mai a impensierire più di tanto lo spericolato Mkuruva, portiere classe 1996.

Nell’intervallo constatiamo che l’impostazione di Fox Sport in italiano è ben più colonialista di quella della TV francese: tra preghiere, esultanze, balli sugli spalti, ecc. non manca nessun cliché sull’Africa subsahariana. Il “ritmo nel sangue” non è stato esplicitato, ma da qui alla fine del torneo avverrà di sicuro.

A Franceville nel frattempo riprende la partita, con l’allenatore dell’Algeria che prova subito a correre ai ripari togliendo Belkhitar e mettendo Meftah, a sei anni dalla sua ultima presenza in Nazionale. I nordafricani iniziano la ripresa portandosi ripetutamente nella metà campo avversaria ma con scarsi risultati. Il canovaccio è sempre quello: sterile fase di passaggi orizzontali a centrocampo e poi si va sulla destra a cercare Mahrez sperando inventi qualcosa. Così facendo, però, subiscono qualche contropiede da parte dello Zimbabwe e di nuovo per iniziativa di Billiat rischiano seriamente di subire il 3-1. L’Algeria poi inizia a diventare leziosa e boriosa, crea sì occasioni da rete, ma sempre più o meno fortuite (da calci piazzati o grazie a un rocambolesco autogol rischiato da Muroiwa), sperando sempre in un colpo di uno dei suoi campioni. Colpo che poi, puntualmente, arriva, di nuovo grazie a Mahrez che – con la complicità di un quantomeno non impeccabile Mkuruva – trova il 2-2 all’82’ con un sinistro da fuori area. Nei dieci minuti finali la Volpi del deserto provano l’assedio, ma lo Zimbabwe riesce almeno a difendere un meritato pareggio.

TUNISIA – SENEGAL 0-2
Mané 10’, Kara Mbodji 75’
HIGHLIGHTS

(Matteo Marchello, Trappola del Fuorigioco) Vista la composizione del girone, lo scontro tra Tunisia e Senegal era molto importante per il passaggio del turno, ma anche un banco di prova per le ambizioni di entrambe per la vittoria finale e come da pronostico è stata una bella partita sin dal primo minuto: le squadre hanno iniziato in modo aggressivo, senza bisogno di alcuna fase di studio.

Il Senegal è arrivato al gol alla prima occasione, realizzando un rigore concesso a seguito di un intervento irruento ai danni di Kouyate, esperto centrocampista del West Ham United. Il primo gol dei senegalesi è stato segnato da un altro veterano della Premier League, Sadio Mane, recentemente passato dal Southampton al Liverpool di Klopp.

Dopo il gol concesso, la Tunisia ha continuato a cercare l’affondo attraverso il fraseggio e azioni manovrate, strategia che ha pagato in termini di creazione di occasioni da gol, ma non di effettive realizzazioni. Quando al trentesimo della ripresa il Senegal ha segnato la seconda rete con il centrale dell’Anderlecht Kara Mbodj, la partita sembrava chiusa, eppure il copione tattico della partita non è cambiato, nonostante mancassero 15 minuti. In svantaggio di 2 gol, la Tunisia ha continuato a creare occasioni su occasioni, sbagliandole puntualmente.

La partita si è conclusa sul risultato di 2-0, dimostrando che il calcio è uno sport piuttosto banale, dove segnare è condizione necessaria e talvolta anche sufficiente per vincere. La Tunisia non avrebbe meritato di perdere, ma ha dimostrato di non essere in grado di mettere la palla in rete, e ora ha davanti a sé un cammino complicato per la qualificazione. Il Senegal, d’altro canto, ha messo in evidenza un calcio pragmatico, attento alla gestione del risultato ma allo stesso tempo troppo svagato; forse troppo per essere una candidata credibile per la vittoria finale.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s